venerdì 2 maggio 2014

Laboratori di chimica all'ITIS!


Evviva il riciclaggio!

Oggi, 29\04\2014, noi alunni delle classi 3°, 4° e 5° della scuola Primaria Borgo Antico, siamo tornati all’Istituto Tecnico Industriale Statale (ITIS) per un nuovo bellissimo progetto, quest’anno sulla raccolta differenziata.


Il progetto “La raccolta differenziata” è molto importante perché serve a comprendere l’importanza dell’ambiente e quindi anche del non buttare cose per terra, perché poi quella cosa non permetterà alla natura di crescere lì, ad esempio: se si butta un giornale impiegherà 6 settimane a decomporsi e passato questo tempo non potrà più cresce un fiore in quel punto, ma un fiore è poco, il vero problema è che da quel fiore che non potrà crescere non potranno ricavare il miele le api e non potranno impollinare un altro fiore, dal quale volerebbero via i semi, dai quali nascerebbero altri alberi, dai quali noi prenderemmo la frutta.
Per questo è importante buttare le cose nei bidoni e non per strada, però poi quando si buttano, gli oggetti vengono portati in una discarica e, i nostri rifiuti sembrano pochi, ma, in un anno, equivalgono a 250000 balenottere e, più cose ci portano e più spazio serve, perciò, per fare spazio, abbattono alberi e cementano l’erba, ma un modo per ridurre l’aumento dei rifiuti c’è: la raccolta differenziata.
Infatti, quest’ultima, permette che gli oggetti non vengano buttati, ma riutilizzati; ecco come si fa: buttate la carta nel bidone giallo, la plastica nel blu, il vetro e le lattine nel verde e l’organico nel marrone; purtroppo delle cose non si possono riutilizzare, allora vanno nel nero.
Inoltre per aumentare il rispetto dell’ambiente ci sono 4 semplici regole: le 4 R:
Riduzione
Riutilizzo
Recupero
Riciclo.

I ragazzi dell’ ITIS ci hanno insegnato a fare la carta riciclata e la plastica biologica.

La carta
  1. Sminuzzate della carta che avreste buttato.
  2. mettetela a bagno nell’acqua molto calda, ma non bollente.
  3. +
  4. compattatela e sminuzzatela macerandola. 
  5. se volete aggiungete profumi e coloranti. 
  6.  
  7. mettetela in un setaccio, lasciatela asciugare un po’ di minuti, poi appiattitela con un mattarello, poi sformatela su un piano. 
  8. coloratela come più vi piace e lasciate asciugare al sole per 24 ore.            
La plastica
  1. Mettete in un bricco 1 cucchiaio di glicerina, uno di amido, 4 di acqua fredda e uno piccolo di aceto
  2. mescolate il tutto sopra un fornelletto per un po’, poi aggiungete un colorante e continuate a mescolare.
  3. quando assumerà una consistenza gelatinosa versatela e stendetela.
  4. lasciate ad asciugare per 24 ore. 

 
Hanno detto che ci spediranno il risultato dei nostri lavori biologici appena saranno pronti: non vediamo l’ora di vederli!
Questo laboratorio ci è piaciuto tantissimo perché amiamo la natura e siamo contenti che ci siano delle persone che ci tengono quanto noi e fanno tutto questo per salvare l’ambiente e l’aria che ci circonda.
                                  EVVIVA  L’AMBIENTE!


Nicole, Marco e Ilaria, classe 5°.